GRANDE TORINO


Bagicalupo; Ballarin, Maroso, Grezar (Martelli), Rigamonti; Castigliano, Loik, Mazzola; Menti, Gabetto, Ossola. Formazione tipo del Grande Torino, per la sagione 1948-1949. Ultima partita giocata da questa squadra: 3 maggio 1949, contro il Benfica, in Portogallo. Perché ultima partita? Perché il giorno seguente, la squadra, non fece più ritorno all’aeroporto Torino-Aeritalia.  Infatti, l’aereo, partito da Barcellona, non atterrò mai. La partita che il Grande Torino stava disputando, era un’amichevole, organizzata affinchè si riuscissero a raccogliere dei fondi a favore del capitano delle “Aquile”, Francisco Ferreira, il quale versava in una grave crisi economica. Una volta partiti da Lisbona, dopo aver fatto scalo nella capitale della Catalogna, la squadra , salì sul volo per il capoluogo del Piemonte. A causa delle avverse condizioni climatiche e della scarsa visibilità, il pilota non vide il Terrapieno del Colle di Superga.  Dei 31 passeggeri, non si salvò nessuno. Quel giorno, il calcio italiano, nonsolo perse l’ossatura della propria nazionale,ma anche uomini, padri di famiglia, mariti, anche ragazzi. Già. Uomini. Perché molto spesso siamo portati a vedere i calciatori come degli eroi, paragonarli quasi agli Dei, per le abilità mostrate su quel rettangolo verde. E, forse, quei ragazzi, un posto, lassù, se lo sono, loro malgrado, guadagnati

In seguito, i nomi di coloro che persero la vita in quel tragico pomeriggio, e dove le loro salmesono state sepolte:

 

Giocatori

Valerio Bacigalupo (25, portiere), cimitero di Bossarino, Vado Ligure (SV);

Aldo Ballarin (27, difensore), cimitero di Chioggia (VE);

Dino Ballarin (23, portiere), cimitero di Chioggia (VE);

Émile Bongiorni (28, attaccante), cimitero di Fontenay-sous-Bois (Francia);

Eusebio Castigliano (28, mediano), cimitero monumentale di Torino;

Rubens Fadini (21, centrocampista), cimitero di Arcore (MB);

Guglielmo Gabetto (33, attaccante), cimitero monumentale di Torino;

Ruggero Grava (27, centravanti), cimitero parigino di Saint-OuenFrancia;

Giuseppe Grezar (30, mediano), cimitero di Sant’Anna, Trieste (TS);

Ezio Loik (29, mezzala destra), cimitero monumentale di Torino;

Virgilio Maroso (23, terzino sinistro), cimitero monumentale di Torino;

Danilo Martelli (25, mediano e mezzala), cimitero di Castellucchio (MN);

Valentino Mazzola (30, attaccante e centrocampista), cimitero monumentale di Torino;

Romeo Menti (29, attaccante), cimitero monumentale della MisericordiaAntella di Bagno a Ripoli (FI);

Piero Operto (22, difensore), cimitero monumentale di Torino;

Franco Ossola (27, attaccante), cimitero monumentale di Torino;

Mario Rigamonti (26, difensore), cimitero di Capriolo (BS);

Julius Schubert (26, mezzala), cimitero monumentale di Torino.

 

Dirigenti

Arnaldo Agnisetta

Ippolito Civalleri

Andrea Bonaiuti (organizzatore delle trasferte della squadra granata)

Allenatori

Egri Erbstein (50), cimitero monumentale di Torino;

Leslie Lievesley (37), cimitero monumentale di Torino.

Osvaldo Cortina (massaggiatore)

Giornalisti

Renato Casalbore (58), cimitero monumentale di Torino

Renato Tosatti (40)

Luigi Cavallero (42)

Equipaggio

Pierluigi Meroni

Celeste D’Inca

Cesare Biancardi

Antonio Pangrazi

“Forse, era  troppo meravigliosa questa squadra perché invecchiasse. Forse, il destino, voleva arrestarla nel culmine della sua bellezza” (Carlin)

Di Enrico Mulas

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...